Parte questo sabato il percorso di partecipazione per Brisighella 2.0

‘Non ci chiudiamo nel nostro castello’. Si è espresso così ieri il Sindaco, Davide Missiroli, alla presentazione pubblica del progetto Brisighella Nuova 2.0, insieme ai capigruppo delle varie forze politiche che sostengono e condividono la proposta, approvata all’unanimità in Consiglio Comunale. Brisighella Nuova 2.0 rappresenta una ‘seconda fase’ per Brisighella, riferimento diretto alla prima fase di innovazione e rigenerazione iniziata con il piano regolatore votato all’unanimità nel 1962, quando era Sindaco Achille Albonetti, anno significativo per il territorio anche per la nascita delle Terme e della CAB.

Il progetto prevede un percorso di partecipazione – finanziato dalla Regione Emilia Romagna – della durata di circa sei mesi, con il coinvolgimento di cittadini, operatori economici e istituzioni. Lo scopo è quello di vagliare interventi di ri-vitalizzazione economica e culturale tramite la creazione di un modello Brisighella: territorio di qualità e benessere”, pensato per rendere vivibile tutto l’ambiente e dare valore aggiunto alle attività locali, al fine di allontanare lo spettro di diventare solo un paese-dormitorio. Si propone, insomma, un rilancio del territorio tramite un piano strategico di valorizzazione ambientale, economica e culturale (sviluppo sostenibile), con particolare attenzione al connubio tra ecologia, tecnologia e cultura. Al termine del processo emergerà quindi un Piano Strategico di Offerta per delineare le azioni che, nel breve e medio periodo, dovranno portare alla creazione di una Comunità Ospitale capace di posizionarsi sui mercati nazionali ed internazionali per intercettare nuove residenze, nuove visite e nuovi investimenti ed in grado di mantenere ed innovare i servizi a favore dei cittadini

La creazione di un albergo diffuso per la rigenerazione in chiave sostenibile del centro storico, una cooperativa di comunità per la per il protagonismo dei cittadini nella valorizzazione del territorio, il recupero del Teatro Pedrini e del complesso delle Terme, un sistema di mobilità e investimenti nelle nuove tecnologie e connettività sono alcune delle proposte avanzate.

Sabato pomeriggio alle ore 16, presso il Foyer del Teatro Pedrini sarà aperto il confronto in una assemblea pubblica a cui parteciperanno, tra gli altri, i capigruppo di tutte le forze politiche, l’economista Maurizio Cappelli (Segretario Generale dei Borghi Autentici d’Italia), Michele Vianello (direttore del Parco Scientifico di Venezia), ed Egisto Pellicoli, assessore delegato dell’ex Sindaco Achille Albonetti.

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>