Frusta d’Oro: kermesse di etichetta romagnola, fra s’ciucaren e giri di tacco di ballerine

La Frusta d’Oro fa quarant’anni “un traguardo importante – commenta soddisfatto il  presidente Arturo Visani – e questa sera sabato 24 agosto, sulla piazza Carducci, Proloco, Banda del Passatore e gruppo folcloristico di Giorgio Vassura vogliono replicare il successo delle ultime edizioni.”

Il Gruppo flocloristico Banda del Passatore di Brisighella.

Il Gruppo flocloristico Banda del Passatore di Brisighella.

La prima nel 1963, cinquant’anni fa, nata dalla passione dei brisighellesi Franco Baldi e Federico Silvestrini, poi l’interruzione di dieci anni, e la ripresa per volontà dell’allora maestro della Banda Antonio (Tonino) Mercatelli. Negli anni la competizione è diventata una festa popolare, dove le fruste si contagiano con i giri di tacco delle ballerine di ginnastica artistica Csen di Laura Soglia e Claudia Cignolo e di Giorgio e le magiche fruste di Romagna.

Gli s’ciucaren (l’anno scorso 56 fra giovani e giovanissimi) maneggeranno la frusta a tempo con i brani della Banda. Sei le categorie: pulcini, junior, senior over 18, donne, doppio 0-15 e over 16 e gruppo (5 elementi). Una giuria di varie esperienze terrà conto del tempo, intensità del ciocco, stile e figure. Al vincitore andrà un pannello in ceramica Premio Antonio Mercatelli (Bottega Bartoli e Cornacchia), e allo s’ciucaren più attinente alla tradizione il Premio speciale Davide Liverani.

La frusta, un semplice bastone con una cordicella legata in cima, riesce ancora a fare spettacolo col ‘linguaggio frustato’ usato dai carrettieri di Romagna, accompagnando il cammino sulle strade cantando al ritmo degli schiocchi delle fruste. Su questo Federico Silvestrini non ha dubbi. Classe 1921 scarta la memoria come un cioccolatino sciogliendo i ricordi del 1950. Anni in cui i veri maestri erano Francesco Piancastelli (Cecchino), vincitore nel 1963 della prima Frusta d’Oro, e Matteo Casadio (Maciol).

Il brisighellese Federico Silvestrini.

Il brisighellese Federico Silvestrini.

Ritmavano gli schiocchi con la vecchia Filarmonica di Brisighella nei raduni nazionali degli Alpini e l’originale connubio generò successo creando le basi nel 1956 della futura Banda del Passatore. Si avviò un corso di orientamento musicale col maestro Franco Baldi e per gli strumenti fu provvidenziale l’intervento del Cardinale Gaetano Cicognani e dell’allora mons. Achille Silvestrini, oggi cardinale.

Francesco (Cecchino) Piancastelli, prima Frusta d’Oro 1963. Per l’occasione fu posta all’esterno della sua abitazione, in Piazza del Monte 18, una targa ricordo.

Francesco (Cecchino) Piancastelli, prima Frusta d’Oro 1963. Per l’occasione fu posta all’esterno della sua abitazione, in Piazza del Monte 18, una targa ricordo.

L’esordio nel 1963 della prima Frusta d’Oro fu trasmesso in diretta a Radio Sera condotta da Everardo Dalla Noce, ma l’idea di esportare la tradizione fuori dal territorio arrivò nel 1969, a Faenza, durante una tappa del Giro d’Italia. “Giornalisti e operatori Rai e Tv ci ripresero anche se non avevamo una divisa – ricorda Federico – e fu la spinta decisiva per costituirci, nel 1971, Gruppo folcloristico Banda del Passatore.”

“Mi rivolsi all’Ente Tutela Vini di Romagna e alla Società del Passatore per il costume del leggendario bandito romagnolo; gli strumentisti aumentarono (90) con elementi di Casola, Faenza, Solarolo e Tredozio; e arrivarono anche le ragazze.” La prima uscita esterna nel 1971 al Carnevale di Granarolo Faentino e nel 1973 la prima trasferta all’estero, a Lugano. In dieci anni, dal ’71 al 1980, la Banda del Passatore raggiunse il primato di oltre settecento uscite fra Italia ed Europa. “Oggi – commenta Silvestrini – di frustatori in Romagna ne abbiamo in abbondanza ma per i giovani rimane il desiderio d’imparare, per il successo che la Banda e gli s’ciucarén di Brisighella hanno finora ottenuto.”

Margherita Rondinini

© 2013 – Riproduzione riservata

(Pubblicato su Il Resto del Carlino, 24 agosto 2013)

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

One thought on “Frusta d’Oro: kermesse di etichetta romagnola, fra s’ciucaren e giri di tacco di ballerine

  1. andrea foschini says:

    salve a tutti,
    bellissima competizione, alla quale ho partecipato ad ogni edizione, da quando pratico questa disciplina. ora sono co-organizzatore dell’evento. per chi volesse informazioni sulla frusta o volesse acquistarne una, anche economica, mi contatti. 340 0073533 oppure andrea.foschini@hotmail.com
    Andrea

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>