Dieci anni dalla fondazione per la Memoria storica di Brisighella

La Memoria storica ‘I Naldi – Gli Spada’ festeggia il decennale di vita associativa, un importante risultato suffragato dai numerosi iscritti (140) e dalle continue iniziative messe in campo in ambito locale. 

Lo ha detto il vice presidente Egisto Pelliconi all’assemblea annuale di fine anno, domenica 29 dicembre al Teatro Giardino, presentando bilancio consuntivo e programma di eventi per il prossimo anno. A tenere vivo il passato del paese tra storia e personaggi di riguardo, di Chiesa, di armi, letteratura e arte, è lo spirito che anima l’associazione, attiva dal 2003, e della Fondazione costituita nel 2006, entrambe presiedute dal cardinale Achille Silvestrini.

La volontà di non disperdere la memoria di fatti e personaggi che hanno fatto la storia del paese alimenterà nel 2014 la collana dei Quadri della Fondazione con il volume del ricercatore Davide Righini su architettura, arte e collezionismo nei secoli XVI e XVII degli Spada, in Romagna e a Bologna, casata brisighellese che titola l’associazione insieme alla famiglia Naldi (4mila euro); e una linea editoriale parallela (500euro) con scritti e tradizioni di vita locale che coinvolgano la comunità. Nel preventivo di spesa complessiva (12mila euro) rientra poi la promozione degli intenti associativi nelle giovani generazioni (1.350euro) con una borsa di studio per i ragazzi di scuola media sull’attività di giornalismo (sarà dedicata al giornalista brisighellese Tomaso Morini); e per la Fondazione con una borsa di studio per tesi universitarie su Brisighella e il suo territorio.

eeeee

La brisighellese Agnese Angioli col vicepresidente della Memoria Storica Egisto Pelliconi, il segretario Vincenzo Galassini e la coordinatrice Velda Raccagni 

 

Due le tesi di laurea premiate ex aequo domenica 29: l’elaborato della brisighellese Agnese Angioli, che ricostruisce la storia sociale, politica, religiosa ed economica, mettendo a confronto fonti letterarie e documentarie (statuti e rogiti notarili tra tardo Medioevo e ‘400); e il lavoro di Umberto Guerra sul castello di Rontana, struttura militare di primaria importanza per gli equilibri strategico-difensivi della Valle del Lamone, tra la fine del XIII secolo e l’inizio del XIV. Lo studio ha coinvolto Guerra anche nelle campagne di scavo che da sette anni il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna conduce in collaborazione col Comune di Brisighella e il Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, rinnovato per tale finalità anche per il 2014 e il 2015.

Nelle prossime iniziative della Memoria storica ci sarà poi un’esposizione dedicata al pittore futurista, originario di San Cassiano, Achille Lega (3mila euro) e la seconda edizione del Premio Brisighella ‘Dionisio Naldi’. Quest’anno a ricevere la prima statuetta del condottiero brisighellese sono stati gli imprenditori Angelo Gallignani (alla memoria) e Giuseppe Bentini entrato nel novero dei Fondatori della Memoria storica.

Margherita Rondinini

(immagini A.Leporesi)

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>