Kalymnos la ribelle. La storia….in Biblioteca.

Sabato 9 maggio p.v., alle ore 17, presso la Biblioteca Comunale “Carlo Pasini”, in Viale Pascoli,1 a Brisighella, l’autrice Maria Elisa Pirattoni Koukoulis presenterà il suo libro KALYMNOS LA RIBELLE. I 31 anni di occupazione italiana del Dodecaneso (192-1943)”. Nel libro,   il ricordo  del cappellano militare brisighellese, Igino Lega.

Kalimnos foto

All’interno del più ampio vuoto di memoria della storia del colonialismo italiano, forse ancora meno conosciuta e maggiormente trascurata dalla storiografia è la storia dell’occupazione del Dodecaneso. Pochi, e spesso legati a singoli aspetti o periodi, sono i saggi dedicati a queste «dimenticate » isole dell’Egeo.

Kalimnos

Rare le opere che ci possano dare una ricostruzione d’insieme attendibile.
Visti gli scarsi studi, ad oggi rimane non semplice ricostruire la storia politica e sociale su quello che doveva essere un possedimento che l’Italia doveva occupare «temporaneamente» e invece si ritrovò, quasi “occasionalmente”, ad amministrare per oltre trent’anni.

Il libro di Maria Elisa Pirattoni ci offre, grazie a un’opera di sintesi e alla documentazione inedita proveniente dall’archivio comunale di Pothia, capoluogo di Kalymnos, la possibilità di conoscere alcuni aspetti poco noti dell’unica “colonia bianca” posseduta dagli italiani. Il 9 maggio 1945, con lo sbarco delle truppe inglesi, l’Italia perse la sua sovranità sulle isole, che poi sarà sancita il 10 febbraio 1947 con la firma a Parigi del trattato di pace. L’articolo 14 del trattato stabilì il definitivo passaggio del Dodecaneso alla Grecia e la sua smilitarizzazione. Gli italiani ancora presenti dovettero essere rimpatriati entro il 1° settembre seguente.
Molti profughi dell’Egeo hanno portato con sé un ricordo nostalgico e spesso disincantato, mentre nelle memorie degli abitanti delle isole è diffuso un ricordo positivo del periodo di Lago e negativo per quello di De Vecchi. Per quanto riguarda la storiografia pochi sono gli studi in corso: un silenzio post-coloniale che, a partire da questo libro, speriamo possa essere superato( dalla postfazione di Costantino Di Sante).

Luciana Ziruolo ribadisce nella prefazione: “L’autrice, alla sua prima prova, non è una storica, ma del metodo storico ha utilizzato alcuni tratti salienti […] pur di trovare risposte al tema e al problema che le stava a cuore: il Dodecaneso e l’oblio, interrotto solo in questi ultimi anni, sulla lunga presenza degli Italiani in queste isole del Mediterraneo, sul silenzio, ad esempio, nella manualistica”.

L’opera riporta la figura del brisighellese Igino Lega e la sua sensibile esperienza di cappellano militare.

Info: Uff.Cultura 0546.994415

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>