Il primo Marchio Slot Free E.R. è a Brisighella

Il primo e unico marchio Slot Free dell’Unione della Romagna Faentina è di Brisighella. Brisighella annovera il primo esempio di etica morale legato al gravoso problema della Ludopatia. Il Bar Caffè Aurora, posizionato nella centralissima Piazza Carducci, ha ottenuto il Marchio Slot Free E.R.

IMG_4631

Tale riconoscimento nasce da una palese esigenza sociale, di cui si è fatto carico la Regione Emilia-Romagna, con l’istituzione di un Registro dove possono richiedere di essere iscritti coloro che scelgono, all’interno dei propri locali pubblici dove viene svolta la propria attività, di non avvalersi delle macchinette slot per il gioco.

IMG_4623

I gestori del Bar Caffè Aurora sono stati i primi, e per ora gli unici che, nell’ambito del vasto territorio dell’Unione della Romagna Faentina, hanno ottenuto questa certificazione.  Claudio, Rosanna e Andrea dichiarano che con la loro scelta hanno voluto dare un segnale forte e tangibile di etica morale. Il Bar Caffè Aurora ha subito una forte trasformazione e rinnovo nel 2004. Fin dal quel momento è maturata la forte convinzione di non posizionare all’interno dei propri locali opportunità di gioco compulsivo tramite slot-machine.

IMG_4624

L’Amministrazione Comunale, sposando gli sforzi che nella società già sono in atto a questo scopo, ha intrapreso da tempo una campagna di sensibilizzazione, rivolto alla popolazione, nei confronti  delle gravi problematiche legate alla Ludopatia. A tale proposito un incontro pubblico tenutosi nel mese di novembre, con l’ausilio di psicoterapeuti, è stata un’occasione per mettere in luce le dinamiche proprie di questa patologia e fornire suggerimenti in merito alle varie procedure da attivarsi.

dadi

È una condizione molto seria che può arrivare a distruggere la vita. Durante i periodi di stress o depressione, l’urgenza di dedicarsi al gioco, per le persone che ne sono affette, può diventare completamente incontrollabile, esponendoli a gravi conseguenze, personali e sociali.

Un problema che interessa le grandi città, ma che,  purtroppo, non risparmia neppure i piccoli centri. Si auspica che la conquista di questo primo marchio, tutto brisighellese, possa essere un valido ed efficace esempio per tutti. Segnale di valorizzazione della persona e non del suo annullamento.

caccia al sogno

 

 Brisighella, 12.4.2016

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>