Una conferenza per capire meglio Einstein e la sua teoria

Venerdì 22 Aprile 2010, alle ore 20,30, presso la Sala Multimediale della Biblioteca Comunale “Carlo Pasini” in V.Pascoli, 1 a Brisighella , Conferenza Pubblica ” La Teoria della relatività di Einstein: di che cosa ci parla?”.  Obiettivo della serata è spiegare in maniera chiara una delle scoperte più affascinanti della ragione umana.   Nel 2015, a cent’anni esatti dalla presentazione della teoria della relatività generale da parte di Albert Einstein, sono state scoperte le onde gravitazionali, ulteriore conferma a questa teoria molto nota ma poco conosciuta. 

einstein

Nel 1905 un impiegato ventiseienne dell’Ufficio Brevetti di Berna pubblicò sugli “Annalen der Physik” cinque articoli destinati a cambiare il corso della scienza. Quell’ impiegato si chiamava Albert Einstein ed una delle teorie rivoluzionarie che era implicata in quegli articoli era la teoria della relatività speciale. Le conseguenze della teoria erano sconvolgenti per la concezione del tempo e dello spazio derivante dal senso comune: per due osservatori in moto relativo tra loro il tempo scorre in maniera diversa e le distanze si contraggono. Ma di quali sofisticati strumenti di misura e analisi di laboratorio si era servito Einstein per arrivare a queste scoperte? Solamente di esperimenti mentali e dunque della sua immaginazione e della sua intuizione.

onde-gravitazionali1

 

Dieci anni dopo, nel 1915, Einstein portò a termine la teoria della relatività generale, ampliando il campo di applicazione della precedente teoria e, soprattutto, mostrando quale fosse la vera natura della forza di gravità. All’inizio della Grande Guerra e durante le pratiche di divorzio, Einstein era riuscito ad isolarsi e trovare la concentrazione per quello che definì “il più grande sforzo intellettuale” della sua vita.

Cento anni dopo, nel 2015, sono state misurate per la prima volta le onde gravitazionali, ulteriore conferma sperimentale a questa teoria molto nota ma poco conosciuta. Qual è la nuova immagine dell’universo, del tempo e dello spazio (e quindi della realtà) che scaturisce da questa teoria? Come mai, pur essendo passato un secolo, il senso comune ancora ne ignora i contenuti principali e non ne accetta le conseguenze? Obiettivo della serata è spiegare in maniera chiara, ripercorrendo alcuni degli esperimenti mentali eseguiti da Einstein, una delle scoperte più affascinanti della ragione umana.

relatività

 Info 0546.994415

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>