Terre naturali e bruciate di Romagna – Giovanni Pini in Mostra al Museo Ugonia

Venerdì 22 settembre 2017, ore 18, Inaugurazione Mostra “Terre naturali e bruciate di Romagna” dell’artista Giovanni Pini presso il Museo Ugonia a Brisighella. L’allestimento si inserisce all’interno del Progetto a “Romagna Km.0″ appositamente pensato per dare risalto ad artisti del nostro territorio.La mostra resterà allestita fino al 18 Novembre 2017.

pini2

La biografia di Giovanni Pini è tanto semplice quanto nota: formazione classica e successiva docenza di latino e greco in vari istituti. Anche se nato a Bologna, nel 1929, Faenza è stata sempre la sua città di riferimento e qui, nel 1989, ha concluso l’attività di docente.

Da autodidatta, ha parallelamente coltivato il disegno e la pittura incrementando la produzione negli ultimi decenni, libero da impegni scolastici e professionali che lo hanno visto anche apprezzato traduttore di voluminosi e impervi testi della Patristica minore. Da anni vive in campagna, a Solarolo.

Una intima e insopprimibile necessità di esprimersi soprattutto con il colore lo ha portato a una continua e rigorosa, quasi etica, dedizione alla pittura e questo corso – i cui sotterranei contatti con gli studi classici rimangono misteriosi – ha, nel tempo, raggiunto la superficie per finalmente scorrere liberamente.

pini4

Evitando i luoghi deputati, i contatti, i riti e, anche, i compromessi del mondo dell’arte, Pini si è dedicato a ritrarre i luoghi più vicini, conosciuti e frequentati sommando, in opere che non sanno di contingente ma di assoluto, le tante impressioni ricevute percorrendo ripetutamente la stessa strada, lo stesso viottolo, lo stesso argine. Lenti tempi di percorrenza che sembra abbiano favorito l’assimilazione di una essenza delle cose (siano esse le stinte colorazioni di una casa in abbandono, un fantasmatico filare di alberi immerso nella nebbia o la dolce ondulazione di un colle sul quale sono gettate le scure ombre delle nuvole) distillata, rarefatta, immune da antiquati verismi come da contemporanee attenzioni (fotografiche e pittoriche) a un paesaggio minore, trascurato e marginale.

pini 1

Pini è certamente un artista inattuale, tuttavia grande è l’impatto provocato dalle sue opere in cui una programmatica riduzione tematica apre la visione a infinite e illuminanti variazioni. I suoi paesaggi sono come partiti musicali basati più sul colore che sul segno: campiture che sovrapponendosi o affiancandosi accennano a una realtà ripulita da rumori visivi e ricondotta a una essenza quasi astratta. All’ascetismo iconografico corrispondono una ricercata impersonalità del gesto pittorico (mai compiaciuto e a volte anche sprezzante) e una peculiare scelta dei mezzi da utilizzare: supporti spesso di recupero e colori e pastelli fabbricati personalmente miscelando terre naturali, sabbie, colle e prodotti commerciali. Per i collages: carte gettate, frammenti di intonaco, cartoni usati. Aspetti procedurali che tradiscono da un lato un atteggiamento liricamente pauperistico, quasi etico per non dire di intonazione religiosa, e dall’altro una comunanza con espressioni moderne apparentemente aliene dalla tradizione figurativa come il ready made.

Artista solitario, umile e silenzioso, Pini non è incline ad affermazioni perentorie ma il suo invito a esercitare lo sguardo per scorgere epifanie di eternità anche nei soggetti (e nei materiali) più correnti e, oggi, trascurati e banali assurge a monito per la contemporaneità, non solo artistica.

In mostra venticinque opere che vanno dal 1972 al 2015 realizzate con tecniche miste che comprendono oli, pastelli, polveri e collages.

a cura di Franco Bertoni

direttore artistico del Museo Ugonia

Museo Civico Giuseppe Ugonia – Brisighella

23 settembre – 18 novembre 2017

pini3

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>