wellness valley

Wellness Valley: turismo e benessere in Romagna

Confesercenti Faenza promuove, alle ore 15.00 di giovedì 7 febbraio presso il Foyer del Teatro Pedrini di Brisighella, un momento pubblico di confronto sul tema del turismo quale motore di sviluppo economico del territorio, mettendo allo stesso tavolo esperienze imprenditoriali e voci autorevoli che nel settore operano anche al di là dei confini del nostro comprensorio faentino. “Wellness Valley, una progettualità che identifica la Romagna come distretto del benessere che può ispirare il territorio faentino ad intraprendere sinergie e percorsi di crescita e collaborazione finalizzati allo sviluppo turistico”. L’Associazione del Commercio, Turismo e Servizi da tempo sostiene infatti che la promozione turistica dovrebbe operare su un livello territoriale più ampio e integrato, per essere efficace e giungere sui mercati con un brand compatto, che eviti la frammentazione delle risorse e dei marchi identitari. In questo senso la progettualità legata alla Wellness Valley (coniata dalla Wellness Foundation, che fa capo alla famiglia Alessandri, proprietaria di Technogym), che identifica la Romagna come distretto del benessere potrebbe ispirare il territorio faentino

Verso un borgo intelligente e più ospitale…in particolare per i suoi cittadini

La realizzazione di una Comunità veramente Ospitale non può prescindere da una promozione ed applicazione intelligente delle nuove tecnologie; di più, in un’ottica di valorizzazione strategica del territorio, il connubio tra ecologia, tecnologia e cultura rappresenta una ottima opportunità di sviluppo, oltre che una scelta obbligata. L’occasione per approfondire questo argomento sarà sabato 2 febbraio alle ore 15,30 presso il Foyer del Teatro Pedrini, in un nuovo incontro in-formativo. Saranno presenti in qualità di relatori Francesco Marinelli, esperto di sviluppo sostenibile e referente del progetto “Borgo Intelligente” per Borghi Autentici, Gianluca Mazzini, direttore generale di Lepida S.p.A., e Lidia Marongiu consulente ed esperta di comunicazione e web marketing dello Studio Giaccardi & Associati.

Nei prossimi mesi, grazie al progetto Dorsale Sud realizzato in collaborazione con l’azienda Lepida, il Comune di Brisighella sarà raggiunto dalla fibra ottica e, successivamente, nel centro storico, saranno predisposti alcuni Hotspot Wi-Fi per fruire di connettività a banda larga. Quali opportunità apre per il nostro territorio? La connettività telematica è ormai essenziale se consideriamo che sempre un maggior numero di attività lavorative e professionali possono essere decontestualizzate ed esercitate attraverso il web, riducendo l’importanza di risiedere in grandi centri abitati o in prossimità delle principali vie di comunicazione. Ragionamento analogo può essere realizzato per l’ambito della formazione, con il sempre maggiore proliferare di corsi universitari e professionali strutturati in modalità e-learning e realizzati avvalendosi di piattaforme multimediali.

Tutto ciò si collega al tema dello ‘sviluppo intelligente del Borgo’ con l’obiettivo di creare una Smart City, argomento che sarà approfondito dal Dott. Francesco Marinelli durante l’incontro. Il concetto di Smart City racchiude in sé una visione ampia, che ambisce ad introdurre nuove modalità per vivere il ‘borgo’ in maniera sempre più intelligente, accrescendo il benessere della comunità attraverso l’uso efficiente delle risorse energetiche e la riduzione dell’impatto ambientale, con soluzioni di mobilità sostenibile, un’amministrazione pubblica trasparente, veloce ed efficiente, distretti del commercio 2.0, prodotti a km zero, recupero di aree dismesse e redesign urbano, ma anche con il rilancio di turismo e cultura. Tali obiettivi possono essere raggiunti solamente da cittadini, operatori economici e pubblica amministrazione congiuntamente, avvalendosi delle innovazioni tecnologiche in materia; ed è l’ambizione del progetto Brisighella Comunità Ospitale, al fine di assicurare un futuro al nostro territorio.

Infine il web è un importante strumento di comunicazione e promozione anche in ambito turistico, con oltre il 60% delle prenotazioni realizzate tramite internet. La rete può diventare lo strumento per comunicare e narrare il territorio, per avvicinarsi a un ‘pubblico’ che si forma ed informa sul web e che, attraverso i social network, condivide valutazioni, suggerimenti ed indicazioni. Attraverso la rete è possibile rendere immediatamente disponibili tutte le informazioni al turista, accompagnandolo nella fase di pianificazione del viaggio e affiancandolo durante tutta la durata del soggiorno.

Per questo si è deciso di dedicare uno dei momento formativi del percorso di partecipazione all’approfondimento delle opportunità offerte da una applicazione intelligente delle nuove tecnologie che, calibrata sulle necessità della comunità e rispettosa della realtà locale, deve essere parte integrante del progetto di sviluppo strategico di Brisighella.

Brisighella Ospitale - incontro 2 febbraio WEB

Sabato 2 febbraio: il borgo intelligente e la comunità 2.0

Sabato 2 febbraio secondo tema d’incontro con i cittadini, le imprese, gli operatori e le attività commerciali del borgo medievale per il percorso di partecipazione “Brisighella Nuova 2.0: Comunità Ospitale”. TEMA TRATTATO: Brisighella Smart Community, nuove modalità e tecnologie intelligenti al servizio della comunità.

Comunità Ospitale e turismo esperienziale: i video dell’incontro del 19 gennaio

Video riassuntivo dell’incontro di sabato 19 gennaio “Turismo esperienziale ed ospitalità diffusa: nuovi modelli di turismo per Brisighella” presso il foyer del Teatro Pedrini, primo incontro in-formativo del percorso di partecipazione “Brisighella Nuova 2.0 – Comunità Ospitale”. L’incontro ha visto l’intervento di Alberto Dragone (giornalista e direttore editoriale del Touring Editore) e Giovanni Teneggi (direttore Confcooperative di Reggio Emilia). Hanno moderato l’incontro il sindaco Davide Missiroli e l’assessore all’agricoltura e alle attività produttive Franco Spada. A seguire i due interventi integrali dell’incontro.
BA_EXtTCIAE1YkX

Comunità Ospitale e turismo esperienziale: prosegue il percorso di partecipazione

Convinzione e determinazione sono le risorse di partenza per costruire un progetto di crescita di lungo periodo, secondo il direttore editoriale del Touring Editore Alberto Dragone. Parallelamente fiducia, responsabilità e reciprocità tra i soggetti coinvolti consentono di creare un progetto generatore di benessere diffuso per la comunità, aggiunge Giovanni Teneggi. Durante il primo incontro informativo del 19 gennaio organizzato nell’ambito del progetto Brisighella Nuova 2.0 il messaggio dei relatori è stato un compatto invito a lavorare in sinergia, a far convergere tutte le risorse su un progetto collettivo, promosso dalle istituzioni e associazioni ma con un ruolo attivo e propositivo da parte dei privati, perché nessuno ha la capacità di procedere da solo. Alberto Dragone ha spiegato che, in ambito turistico, è il ‘Sistema Italia’ nel suo complesso a richiedere un veloce cambio di mentalità, per tornare competitivo sul piano internazionale recuperando il terreno perso nell’ultimo decennio. In tale processo, ha suggerito, i piccoli territori come Brisighella possono però contribuire proponendo un modello innovativo di offerta, valorizzando il turismo come incontro tra un ‘viaggiatore che non conosce un luogo e ciò che vive e costituisce tale luogo’, che esprime paesaggio, cultura, tradizioni, persone ed eccellenze. Se il futuro del turismo è sostenibilità, la risposta è costruire una economia strutturata e con un orizzonte di lungo periodo, per consentire alla popolazione del territorio di mantenere uno stile di vita di qualità e soddisfare al meglio le esigenze dei turisti. Il margine di crescita esiste.

Successivamente Giovanni Teneggi ha avviato una riflessione sui fattori che possono garantire il raggiungimento degli obiettivi in un progetto di sviluppo sociale ideato per soddisfare le necessità di una collettività: fiducia, comunità, responsabilità, municipalità, scarsità, reciprocità, mutualità, sobrietà. Ha sollecitato quindi ‘un esercizio di futuro collettivo ed intergenerazionale, un incontro tra chi dal territorio fugge e chi vi resta, passivo’, perché la comunità non è necessariamente ospitale, ma può adoperarsi per diventarlo. Per questo si devono ritrovare spazi e tempi che ora sono improduttivi attraverso una scommessa sul territorio, che va riconosciuto, identificato, per ridare ruolo e valore a ciò che già esiste e creare un benessere diffuso. Teneggi ha portato l’esperienza di successo dei Briganti di Cerreto, una cooperativa di comunità costituita a Cerreto Alpi allo scopo di riqualificare e rivitalizzare le attività del paese, a vantaggio dell’ambiente e della comunità locale: una realtà imprenditoriale di natura cooperativa che pianifica le proprie attività su un bilancio di comunità, valutando in primo luogo le ricadute sul territorio.

Sfortunatamente, causa imprevisto, è stato rimandato l’intervento di Maurizio Cappelli, segretario di Borghi Autentici d’Italia ed economista territoriale già relatore durante la prima assemblea cittadina, chiamato ad approfondire il tema di albergo ed ospitalità diffusa. Il pomeriggio si è concluso con un positivo dibattito tra i presenti, da cui è emersa la voglia di mettersi in gioco cercando soluzioni innovative, condivise e di lungo respiro al fine di restituire energia e vitalità al territorio. Alcuni input: proteggere il territorio e garantirne l’integrità, imparare a conoscerlo, valorizzare le esperienze di qualità, ricercare collaborazione e integrazione, innovare. Nel prossimo incontro, sabato 2 febbraio presso il Foyer del Teatro Pedrini, si affronterà il tema delle nuove tecnologie, con particolare attenzione al concetto di smart city ed eventuali applicazioni a piccoli borghi come Brisighella.

Sabato 19 gennaio: Brisighella 2.0 diretta twitter

In occasione dell’incontro informativo e formativo “Turismo esperienziale ed ospitalità diffusa: nuovi modelli di turismo per Brisighella” del percorso di partecipazione denominato “Brisighella Nuova 2.0: Comunità Ospitale” di domani, ore 15:30 presso il Foyer del Teatro Pedrini nel Municipio di Brisighella, sarà possibile seguire l’incontro in diretta su Twitter.   @BrisighellaBlog hashtag: #brisighellaospitale Tweets di @BrisighellaBlog #Brisighella su […]

Comunità Ospitale: perché partecipare?

“Turismo esperienziale ed ospitalità diffusa: nuovi modelli di turismo per Brisighella” è il primo dei due incontri informativi previsti dal progetto Brisighella Nuova 2.0, che si terrà sabato 19 gennaio alle ore 15.30 presso il Foyer del Teatro Pedrini. L’incontro avrà un obiettivo informativo e formativo, saranno perciò presenti alcuni esperti che illustreranno le ultime […]
Brisighella Ospitale - incontro 19 gennaio WEB

Sabato 19 gennaio 2013: il turismo motore di rilancio socio-economico

Sabato 19 gennaio primo tema d’incontro con i cittadini, le imprese, gli operatori e le attività commerciali del borgo medievale per il percorso di partecipazione “Brisighella Nuova 2.0: Comunità Ospitale”. TEMA TRATTATO: Il turismo motore del rilancio socio economico: modelli innovativi per il borgo e il suo territorio.

Turismo Esperienziale: primo incontro informativo sabato 19 gennaio

Al rientro dalle festività natalizie prosegue il percorso di partecipazione per una Brisighella Nuova 2.0. Nelle prossime settimane saranno organizzati due incontri informativi, con la partecipazione di esperti e professionisti, per affrontare e chiarire tematiche fondamentali al fine di costruire una Comunità Ospitale accogliente e moderna. Il primo incontro, inizialmente previsto per sabato 12 gennaio, è stato posticipato a sabato 19 gennaio alle ore 15.30 presso il Foyer del Teatro Pedrini, per affrontare il tema del turismo esperienziale, un segmento di mercato attualmente inesplorato ma in forte sviluppo che si adatta perfettamente alle caratteristiche del nostro territorio, e parallelamente presentare il modello di albergo diffuso, che può essere uno strumento efficace attraverso cui offrire servizi innovativi e di qualità nel centro storico di Brisighella, attirando una nuova tipologia di turista. Nel secondo incontro, previsto per sabato 2 febbraio presso il Foyer del Teatro Pedrini, si approfondiranno tematiche legate all’utilizzo delle nuove tecnologie e alle opportunità che offrono a residenti e turisti, con particolare attenzione al concetto di smart city ed eventuali applicazioni a piccoli borghi come Brisighella.
Inoltre a breve seguiranno ulteriori aggiornamenti per quanto riguarda l’organizzazione di gruppi di lavoro su tre settori strategici – attività produttive, ospitalità, benessere ed ambiente – su cui un confronto diretto con stakeholders che operano attivamente sul territorio è fondamentale al fine di individuare le principali problematiche e definire insieme alcune possibili linee di sviluppo.

Hera: il servizio di raccolta della carta raddoppia

A Brisighella, Casola Valsenio, Riolo Terme e Castel Bolognese la frequenza di raccolta, da quindicinale, diventa settimanale. Le modalità restano le stesse. Già 40.000 gli accessi alle 4 stazioni ecologiche. A partire dal nuovo anno raddoppia il servizio di Hera per la raccolta domiciliare della carta a sacchi nei Comuni di Brisighella,  Casola Valsenio, Riolo Terme e Castel Bolognese. La raccolta, oggi quindicinale, verrà svolta tutte le settimane. E’ confermata l’attuale giornata di consegna del sacco al servizio
PresepeBrisighella

Un sereno ed ospitale 2013 a tutti!

Con l’immagine del presepe vivente, Brisighella e la sua “Comunità Ospitale” augura a tutti un Buon Natale e Felice Anno Nuovo! “Natale è vivere con gli altri un momento di felicità, condividere la gioia che essa reca a noi e a tutti coloro che ne hanno bisogno, è dare con tutto il cuore il tuo amore verso gli altri, è avere la possibilità di rendere migliore una vita.”
Ieri, domenica 23 dicembre, oltre 120 figuranti e un coro di 27 membri, diretti sotto l’attenzione del sindaco Missiroli e la sapiente regia di Angela Esposito e Margherita Rondinini assieme all’Amministrazione Comunale, la Proloco, le Parrocchie, il Coro Cittadino, il Gruppo Alpini e i tanti volontari del Comune di Brisighella sono scesi in campo per riorganizzare dopo 12 anni l’evento della rappresentazione della natività nel borgo medioevaledella valle del Lamone, facendo leva sulla forza della partecipazione. “L’aggregazione e il coinvolgimento di tutti sarà quindi per il prossimo futuro la base fondante e imprescindibile per lo sviluppo dei  nostri territori e delle nostre comunità.” Il prossimo appuntamento del progetto di partecipazione “Brisighella Nuova 2.0: Comunità Ospitale” è previsto per sabato 19 gennaio alle ore 15.30 presso il Foyer del Teatro Pedrini per parlare di albergo diffuso, turismo esperienziale e, ovviamente, comunità ospitale. Un sereno e ospitale 2013 a tutti!
biblioteca brisighella

Questo sabato: inaugurazione della nuova biblioteca e ludoteca

L’elevato numero di persone presenti all’assemblea di sabato 1 dicembre fa ben sperare sul prosieguo del progetto partecipato “Brisighella Nuova 2.0 – Comunità Ospitale”,  che presuppone una consistente ed attiva partecipazione da parte della cittadinanza e dei principali stakeholders del territorio per ottenere un risultato in linea con le ambiziose aspettative dei promotori.

Il prossimo appuntamento è previsto questo SABATO 22 DICEMBRE alle ore 15.30 presso il complesso Cicognani di Brisighella con “LA NUOVA BIBLIOTECA” Open Day e inaugurazione della nuova biblioteca-ludoteca e dei laboratori didattici e culturali. Per l’occasione sono stati organizzati tanti momenti legati all’evento per intrattenere adulti e bambini. Parteciperanno all’inaugurazione il Sen. Vidmer Mercatali, il Presidente della Provincia di Ravenna Claudio Casadio, il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna Lanfranco Gualtieri e la Preside dell’Istituto Comprensivo di Brisighella Carmelina Rocco(Se vuoi partecipare all’evento su facebook clicca qui)

Si inaugurano luoghi sapientemente ristrutturati ma soprattutto un NUOVO MODO DI PENSARE alle BIBLIOTECHE DI PICCOLE COMUNITA’. Una biblioteca non come luogo di conservazione (patrimonio indispensabili alla cultura di una nazione) ma come luogo di socialità. Posti pubblici dove si forniscono servizi multipli: si trovano i volumi inseriti nelle reti bibliotecarie e si tengono i corsi. Una biblioteca con i suoi nuovi spazi e laboratori diventa un’istituzione fondamentale in una comunità ospitale tenuta in vita da bibliotecari con professionalità e anche da tanti volontari e spazi autogestiti da associazioni culturali. LE PICCOLE BIBLIOTECHE COME LUOGHI DEL WELFARE CULTURALE, cercando di lavorare anche per la crescita formativa della comunità, non solo giovane ma anche adulta. Ad esempio i vari corsi proposti dalla libera università per adulti. Oppure offrire alla popolazione anziana una maggiore alfabetizzazione informatica.
Questa nuova modalità è portata avanti grazie al modello della studiosa Agnoli e divulgato grazie ai suoi saggi su “L’ utilità delle biblioteche al tempo di Internet”, “Le piazze del sapere”, “Biblioteche e libertà” e “Caro Sindaco, parliamo di biblioteche” dove l’autrice mette le biblioteche al centro della crescita culturale e del welfare, e come punto di inizio per una rinascita sociale e culturale delle città italiane. L’idea era quella di una biblioteca di nuova concezione, dove i cittadini si possano incontrare stabilendo relazioni sia intellettuali sia affettive: le ‘piazze del sapere’ appunto. Ripensare gli spazi urbani, sottrarli alla commercializzazione, farne luoghi di incontro, di scambio, di azione collettiva. La biblioteca pubblica diventa un territorio aperto a gruppi e associazioni, un centro di riflessione e di condivisione dei saperi, il nodo centrale di una rete con altre istituzioni culturali. La biblioteca pubblica deve diventare parte di un progetto di rinascita, un luogo di libertà e di creatività per ogni cittadino. La Agnoli, in linea con il progetto “Brisighella Comunità Ospitale”, rivendica l’esigenza di creare luoghi che stimolino il rinnovamento culturale, la volontà di incontrarsi e di fare cose insieme. Ciò che conta è che la biblioteca sviluppi i suoi servizi in base ai bisogni del suo contesto geografico e sociale. La biblioteca può davvero diventare un microcosmo da analizzare e da cui attingere dati sugli stili di vita, bisogni e benessere di una comunità.
Slide1-Logo

Treno di Dante e Comunità Ospitale: un patto condiviso di strategia di partecipazione

Davide Missiroli: “Se la crisi economica continua a mordere sono l’ingegno e l’intuizione di tutta la comunità a mettersi in gioco per studiare alternative valide al contrasto. Per questo vorrei coinvolgere voi tutti in un ambizioso progetto per rivitalizzare ‘Brisighella in Comunità Ospitale’ attraverso un modello di sviluppo sostenibile integrato con il suo territorio attraversato dall’idea del treno di Dante.” Come molti forse di voi già sapranno, in settembre, alla cerimonia commemorativa del 691° annuale della morte di Dante, si è costituito il comitato “Amici della Faentina – Treno di Dante” per rilanciare i territori attraversati dalla linea ferroviaria che collega Firenze e Ravenna, luoghi di nascita e morte del Sommo Poeta
Inaugurazione-biblioteca-di

Inaugura la nuova biblioteca di Brisighella

Sabato 22 dicembre dalle ore 15 presso il complesso Cicognani di Brisighella si terrà l’Open Day e inaugurazione della nuova biblioteca e ludoteca. Per l’occasione sono stati organizzati tanti momenti legati all’evento per intrattenere adulti e bambini. Se vuoi partecipare all’evento su facebook clicca qui.
torre orologio con neve

Natale sotto i tre colli

“Somiglia ad un presepe”: un aspetto che hanno colto in tanti ammirando il magnifico panorama della cittadina collinare di Brisighella. Da questa suggestione nel 1982 nacque il primo Presepe Vivente per volontà dell’allora cappellano di Brisighella Vittorio Santandrea. Idea che rivivrà nel programma natalizio 2012 fatto di mostre e presepi sotto i tre colli che culminerà domenica 23 dicembre con la […]

Al lavoro per costruire la comunità ospitale

L’elevato numero di persone presenti all’assemblea di sabato 1 dicembre fa ben sperare sul prosieguo del progetto “Brisighella Nuova 2.0 – Comunità Ospitale” (prossimo appuntamento sabato 19 gennaio 2013), che presuppone una consistente ed attiva partecipazione da parte della cittadinanza e dei principali stakeholders del territorio per ottenere un risultato in linea con le ambiziose aspettative dei promotori. E’ forse superfluo ribadire che tale iniziativa origina dall’idea che, in un momento di forte difficoltà come quello attuale, è necessario che ognuno presti il proprio contributo per il benessere della collettività. E’ sempre più vero che il benessere della comunità rispecchia il benessere di ognuno di noi, e pertanto solamente unendoci in un impegno comune, con un orizzonte temporale di medio-lungo periodo, possiamo costruire un futuro sostenibile e prospero per il nostro territorio e per noi stessi. Questo è in breve il senso degli interventi realizzati durante l’assemblea.

Visualizza le slide dell’intervento di Maurizio Capelli del 1 Dicembre 2012

Quali saranno i prossimi passi? Nei mesi di gennaio e febbraio sono previsti alcuni incontri di presentazione e approfondimento su tematiche rilevanti per il nostro territorio e saranno costruiti tre gruppi di lavoro per discutere ed analizzare possibili strategie di sviluppo in settori strategici. Il primo incontro informativo riguarderà l’albergo diffuso che, parallelamente al concetto di comunità ospitale, intende offrire servizi innovativi e di qualità nel centro storico di Brisighella e attirare quel nuovo segmento di mercato turistico in forte sviluppo che fa riferimento al concetto di turismo esperienziale. Nelle settimane successive un secondo incontro riguarderà invece l’applicazione delle nuove tecnologie al territorio, cercando anche di cogliere ed elaborare alcuni degli spunti più interessanti offerti durante l’assemblea dal Dott. Vianello. Contemporaneamente sono stati individuati i tre settori strategici per Brisighella – attività produttive, ospitalità, benessere ed ambiente – che saranno oggetto di studio da parte dei gruppi di lavoro, su cui è importante un confronto diretto con stakeholders che operano attivamente sul territorio, al fine di individuare le principali problematiche e definire insieme alcune possibili linee di sviluppo.

Il prossimo appuntamento è quindi per sabato 19 gennaio alle ore 15.30 presso il Foyer del Teatro Pedrini per parlare di albergo diffuso, turismo esperienziale e, ovviamente, comunità ospitale.